Skip to main content

iRobot 980 contro Neato Botvac Connected


Aspirare la polvere con un tocco sullo smartphone? Grazie all’aspirapolvere robotico non è più un problema. Per maggior comodità, lasciate che l’aiutante intelligente si connetta subito con il vostro telefono. Sia il Roomba 980, sia il Botvac Connected sono utilizzabili in questo modo. Ma quale robot è il migliore?

botvac connected e roomba 980Differenti nella forma, ma se si da uno sguardo alle caratteristiche tecniche  i due robot sembrano molto simili. Tutti i due vengono con batteria a ioni di litio, la stazione di ricarica e il filtro HEPA. Sia iRobot, sia Neato hanno una ricopertura  scura. I modelli top di gamma navigano autonomamente da stanza a stazanza, cosa di cui i conoscitori dei modelli Roomba potrebbe essere stupiti. Si, i Roomba della serie 900 sono finalmente dotati di una navigazione intelligente (i modelli precedenti usano il principio caos). Si orienta con una telecamera verso la direzione corretta e crea una sorta di mappa dell’appartamento. La stessa cosa vale per il Botvac Connected, che tasta le stanze con un invisibile laser a 360 gradi.

Vai alla recensione completa del Neato Botvac Connected.

Vai alla recensione completa del iRobot Roomba 980.


Tutto via App?


Visibilmente non si distingue facilmente il Botvac Connected dai suoi predecessori. Il robot Botvac e dotato di un display LCD e un pannello di controllo con cui si può impostare il robot. Per chi non vuole sporcarsi le mani, la Neato ha creato un’app gratuita per Android e iOS. La connessione avviene attraverso la WLAN di casa e si connette facilmente. Il robot può essere avviato dall’app e si possono definire piani di pulizia. Con l’app si possono gestire solo le funzioni più importanti. I suoni, il formato dell’ora e altre opzioni devono essere regolate direttamente sull’apparecchio. Nella nostra opinione un grandissimo manco.

 

Ancora più elegante è l’app di iRobot. Qui si possono inviare al proprio robot non solo dati relativi agli spostamenti, ma anche controllare lo status dei pezzi ricambiabili come il filtro. Inoltre si possono impostare diversi tipi di pulizia, preciso o veloce? Tutte le modalità di supporto sono integrate nell’app. Potete selezionare le funzioni “pulire”, “pulizia degli angoli” e “vai alla stazione di ricarica” direttamente sul pannello di controllo del Roomba, ma per il resto dovete assolutamente usare l’app.  Mentre l’app Botvac non è essenziale per usare il robot. É questione di gusto cosa sia meglio.


Sostituiscono l’aspirapolvere classica?


Nel caso vi chiedeste se questa generazione di robot sia la soluzione definitiva per le pulizie domestiche: no, l’aiutante automatico non è ancora un’alternativa alle pulizia di primavera. Le camera di prova hanno mostrato che entrambi i robot hanno fallito. In un passaggio costituito da 300 grammi di sabbia di quarzo, sono stati estratti rispettivamente solo 50 grammi dal Botvac Connected e 60 grammi dal Roomba 980. Tuttavia i robot, grazie alla programmazione, possono pulire il pavimento tutti i giorni e ottenere così un buon risultato.

 

Risulta che il Roomba 980 è più maneggevole. Grazie a dei sensori l’apparecchio è in grado di adattare la forza di aspirazione al tipo di pavimento su cui si trova.  Al di fuori di questo, il Roomba 980 è più silenzioso, si districa da cavi più velocemente e, grazie ai suoi 9 centimetri di altezza, riesce ad andare sotto ai mobili, contro i quali il Botvac Connected, con i suoi 10 centimetri, deve gettare la spugna. Tuttavia, il Botvac passa manualmente dalla modalità Eco a quella Turbo, in modo da aspirare sempre al massimo. Piccoli ostacoli sono un problema per entrambi. I robot cercano di oltrepassare ostacoli fino ad una altezza di due centimetri. Facendo cosi, qualche volta perdono il contatto con il terreno e rimangono impigliati.


Uno sguardo alla confezione


Se parliamo di dotazione e contenuto della confezione, nessuno dei due robot può superare l’altro. Il Botva viene con più metri di banda magnetica, tre filtri HEPA, così come una spazzola aggiuntiva. Il Roomba offre, invece, una spazzola di gomma in cui si ingarbugliano pochi peli, e un filtro della classe E11. Inoltre, nel Roomba ci sono nella confezione due muri vituali, con il quale si possono limitare le vie del robot. Per esempio proteggere le  ciotole dei vostri animali domestici.


Conclusione


Per noi è chiaro: tra i due concorrenti vince il Roomba 980. Dopo la generazione degli 800, iRobot ha gettato legna nel fuoco e ha migliorato tutti i settori. Al contrario, il Botvac Connected sembra un update solo per quanto riguarda l’applicazione. Tuttavia, ciò non lo rende un brutto apparecchio. In rapporto qualità prezzo, supera il Roomba. Mentre il Roomba 980 costa 100 euro, il prezzo attuale di mercato del Botvac Connected si aggira sui 750 euro.


Articoli simili



Nessun commento trovato


Hai una domanda o un'opinione sull'articolo? Condividila con noi!

La tua mail non viene pubblicata. Campi obbligatori sono marchiati *